martedì 26 maggio 2015

Recensione di "Endgame - The Calling" di James Frey e Nils Johnson-Shelton

Buona sera cari lettori!
Nella mia libreria, come credo anche in quella di molti, ci sono diversi, anzi molti, libri che non ho letto e che vorrei iniziare a smaltire. Ma siccome la sottoscritta è un'indecisa conica e non sa da che parte iniziare ha optato per affidarsi completamente al Caso, ho scritto tutti i titoli che mi mancano da leggere su dei bigliettini li ho inseriti in un salvadanaio, perché no, non avevo altro posto dove metterli, e ho deciso che quando sarò indecisa pescherò un bigliettino per sapere cosa leggere.
Chiuso questo piccolo aggiornamento eccovi la recensione di oggi.
Titolo: Endgame - The Calling
Autore: James Frey e Nils Johnson-Shelton
Pubblicato in Usa nel 2014
Pubblicato in Italia nel 2014
Genere: distopico
Casa editrice: Harper Teen
Lingua originale: inglese
Trama: Dodici ragazzi selezionati da dodici stirpi diverse, provenienti da tutto il mondo, si esercitano da tutta la loro vita per partecipare a Endgame. Nessuno sa quando Endgame inizierà, nessuno conosce l'identità di tutti i giocatori. Ma quando Endgame inizia dovranno giocare, ragazzi o ragazze dai 12 ai 18 anni dovranno combattere perché alla fine soltanto uno sarà il vincitore e con lui la sua stirpe.
Gli autori: James Frey è un autore statunitense nato a Cleveland nel 1969. Laureato alla Denison University. Ha lavorato anche come sceneggiatore.Il suo primo libro è Un milione di piccoli pezzi, che parla della sua esperienza con la tossicodipendenza e alcolismo. In realtà si è poi scoperto che diversi elementi della sua autobiografia erano falsi.
Nils Johnson-Shelton è uno scrittore statunitense, lavora insieme James Frey sui libri di Endgame ma ha anche pubblicato da solo una saga per bambini The Otherworld Chronicles.
Recensione: Questo libro l'ho letto su richiesta di una mia amica, dovevamo leggerlo insieme ma lei è ancora a pagina 18, e no, non sto scherzando. Vi suona una campanella in testa se vi dico dodici stirpi, ognuna con il suo prescelto, i giocatori dovranno battersi per salvare la propria stirpe, ci potrà essere solo un vincitore, e tutto Endgame è orchestrato da esseri superiori che osservano questi partecipanti morire o uccidersi l'un l'altro? Se la campanella diceva Hunger Games tranquilli non siete soli. Le somiglianze sono tante, devo dire però che Endgame è più macchinoso, più apocalittico e devastante rispetto ad Hunger GamesLo stile è abbastanza scorrevole, l'ho finito mentre aspettavo di prendere il bus per l'aeroporto. Avrei preferito molte più descrizioni delle ambientazioni, in pratica si fa' il giro del mondo in 200 pagine ma di come sono i luoghi che visitano ne abbiamo solo una vaga idea. Ma caro signor Frey scrivere il nome del luogo dove si svolge l'azione all'inizio di ogni capitolo non ti esonera dal doverlo descrivere. La cosa che più mi piaciuta del libro sono i diversi punti di vista dei giocatori che si alternano durante il libro, danno una visione a 360° della storia. Non mi piace come sono scritte le scene di azione, preferisco quelle in cui i personaggi si fermano a pensare e ragionare sul da farsi, anche perché quando c'è di mezzo l'azione le cose diventano così confuse che mi tocca rileggerle più volte per capire cosa sta facendo l'uno e cosa sta facendo l'altro. I personaggi hanno tutti età diverse, vengono da posti e realtà diversi, ognuno è unico nel carattere e nelle abilità che possiede. Uno dei miei preferiti è Jago, è l'unico che non mi abbia deluso nel corso del libro e che mi abbia regalato forti emozioni. Sarah non mi piace ma da un lato la posso capire, lei non voleva partecipare, lei è stata scelta per sostituire il fratello, quando l'unica cosa che desiderava era passare il suo futuro con il fidanzato Christopher. Però quando il
gioco è iniziato mi aspettavo che si svegliasse un po' invece resta troppo legata alla vita di prima e questo le costa molto nel corso della storia. Chiyoko è un personaggio che ho amato all'inizio ma per come è diventata banale alla fine mi si è spezzato il cuore, uno stravolgimento totale del personaggio, forse l'unico personaggio forte del libro. Christopher, il ragazzo di Sarah, è quello che ho odiato sin da subito e che speravo morisse in modo atroce dopo le prime tre righe. Non solo è accecato dall'amore per Sarah, ma non capisce quanto veramente la stia mettendo in pericolo con la sua presenza, è una palla al piede umana. Inizia che sembra un super-esperto, un genio, abilissimo in tutto e super determinato ad aiutare la ragazza che ama, ma la finisce come un povero scemo trascinato di peso da una parte all'altra del mondo e a cui bisogna far da babysitter. Ci sono anche diverse incongruenze nelle abilità dei personaggi, dovrebbero essere del tutto umani con la differenza che hanno ricevuto un allenamento specifico, ma allenarsi non trasforma automaticamente in macchine assassine perfette, che tra un'assassinio, inutile oserei dire, e l'altro parlano cinquanta lingue e sono esperti di astrofisica e aritmetica. Cosa c'è di normale in questo? E vorrei aggiungere che un braccio rotto, una pallottola nella gamba, e tutte altre ferite gravi, non importa che addestramento avete fanno comunque un male cane, e quindi a meno che non abbiano la CIPA mi aspetto qualche reazione al dolore da parte dei personaggi. La parte romance è stucchevole e troppo azzardata, in un paio di casi anche campata del tutto in aria, se la potevano giocare meglio. All'interno del libro ci sono anche degli enigmi che il lettore può provare a risolvere per vincere un premio, dopo la prima occhiata io ho deciso che passo.

Insomma, un libro che sarebbe potuto essere molto ma molto di più di quello che è. 
Ancora mi interrogo sugli strani esseri, che non si capisce che cosa siano se mucche spaziali, dei o alieni, che hanno indetto l'Endgame.
Voto: 5/10

6 commenti:

  1. No no no... mi sa proprio che non leggerò questo romanzo O.o Cioè...sembra la brutta copia di Hunger Games (già dalla trama in effetti) Però mi sono divertita a leggere la tua recensione :P Fantastico il modo in cui ti esprimi ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe potuto essere decisamente meglio, il potenziale c'era ù_ù
      Grazie ^^ mi fa piacere che la recensione ti sia piaciuta!

      Elimina
  2. Peccato mi ispirava tantissimo questo libro e invece non sembra essere granchè :((

    RispondiElimina
  3. La tua recensione mi è piaciuta tantissimo! :) Il libro invece non credo di leggerlo.. ma mai dire mai! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti sia piaciuta ^^ se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi in caso ;)

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio se vi va ;)

Related Posts Plugin for Blogger...